Fai della Paganella BIKEPARK – le piste e le novità del 2018

BIKE PARK “FAI ZONE” A FAI DELLA PAGANELLA (TN)

Siamo stati a Fai della Paganella per l’apertura 2018 della famosa Fai Zone, uno dei bike park più amati del Trentino e non solo.
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 

DOVE SI TROVA

Si raggiunge la Fai Zone salendo da Mezzolombardo, una ventina di km a Nord di Trento, lungo i tornanti della Strada Provinciale 64 che passa proprio per Fai della Paganella. Una volta lasciato il centro si arriva alla frazione Santel, dove un ampissimo parcheggio e l’impianto di risalita ci avvisano che siamo arrivati.
 

IL BIKE PARK

Il 2018 sarà un anno di grandi novità per il comprensorio Dolomiti Paganella Bike. Alla Fai Zone sono stati fatti tanti lavori e miglioramenti e ne sono previsti molti altri nel corso della stagione. All’apertura erano percorribili i tracciati Easy Rider ed il Peter Pan, quello che ha subito le migliorie più rilevanti.
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 
Per il collegamento con Andalo e per il Bear Trail, si attende lo scioglimento della neve dato che sono ancora presenti accumuli notevoli nella parte alta del comprensorio! I ragazzi del park ci hanno raccontato di aver risposto a circa un centinaio di mail di richieste di percorribilità del Bear Trail. “Un tale interesse può solo far piacere ma bisogna dar tempo alla neve di sciogliersi! :)”. Abbiamo notato che l’impianto di risalita, già ottimo come comfort e velocità, è stato dotato di pratici cancelletti per l’accesso a valle, che permettono un agile passaggio anche con la bici. Il sistema di aggancio è sul posteriore delle poltrone della seggiovia, con tubi rivestiti in materiale morbido che vanno a sostenere le bici sotto al tubo obliquo appena dietro alla serie sterzo, e sotto alla parte posteriore della sella. Il personale è molto gentile e movimenta le bici con cura e professionalità. Anche i maniaci della cura della bici possono dormire sonni tranquilli (si scherza :)).
 
Veniamo ai percorsi. Il Peter Pan è forse quello più rappresentativo del Park. Lungo 3,3 Km, parte dai 1430 metri della stazione di monte dell’impianto Santel-Meriz, ed è un piacevole percorso flow, che copre un dislivello di 390 metri. Definito intermedio come difficoltà dall’organizzazione, il Peter Pan corrisponde, secondo noi, ad un tracciato molto flessibile nella fruibilità da parte del pubblico.
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 
Il neofita si può divertire in sicurezza, affinando la tecnica sulle sponde e prendendo confidenza coi primi salti. L’intermedio e l’esperto, calibrando la velocità, può divertirsi alla grande chiudendo qualche doppio e qualche panettone. La possibilità di raggiungere buone velocità è stata aumentata grazie alla nuove modifiche. Nella parte iniziale abbiamo apprezzato molto le nuove “gobbe” che permettono di pompare ed aumentare la velocità. Le nuove sponde della parte centrale e quelle già esistenti, alcune variate in ampiezza ed altezza, concorrono ulteriormente a far mantenere la velocità.
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 
Il principiante troverà sicuramente un grande feeling in questo nuovo disegno del percorso, grazie a sponde alte e larghe che perdonano qualche imprecisione, ed al terreno molto compatto e dal grande grip, soprattutto nella parte centrale. Per gli smanettoni nella parte iniziale, ed in alcuni tratti verso la fine, c’è una presenza più marcata di ghiaia e pietrisco che permette delle gran belle derapate… Braaaaaaap!!!!
 
Il percorso Easy Rider, più tecnico, copre una lunghezza di 2,5 km e sempre 390 metri di dislivello (partenza e arrivo sono gli stessi del Peter Pan con appunto inizio e fine in comune). La partenza vera e propria si trova dopo aver percorso alcune centinaia di metri del Peter Pan. Al primo bivio teniamo la destra ed entriamo nel bosco. Qui le modifiche hanno interessato solamente la parte alta ma non è detto che non ne vedremo altre durante la stagione. Dopo il primo tratto di pietre e radici ci sono appunto delle sponde nuove, ottimamente raccordate a nostro avviso, realizzate in terra e quindi molto compatte e con grande grip. Essendo nel sottobosco, l’umidità del terreno svanisce più lentamente durante la giornata, limitando la polvere e mantenendo appunto il suolo compatto e molto piacevole da guidare. Ci sono anche nuovi panettoncini che movimentano il ritmo tra il primo ed il secondo gruppo di sponde. La parte inferiore, dopo la prima intersezione con il Peter Pan, è rimasta invariata.
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 
Il livello necessario per percorrerlo è leggermente superiore a quello necessario per il Peter Pan (tra esperto ed intermedio secondo la classifica del comprensorio). Caratteristica interessante anche qui è la flessibilità di utilizzo, dato che essendoci vari punti dove i due percorsi si incontrano, è possibile percorrere tratti di una o l’altra pista nella stessa discesa. Per chi vuole affinare la tecnica è una possibilità interessante perché permette di aumentare il livello di difficoltà a piccoli step e senza stancarsi eccessivamente. L’esperto invece troverà modo di divertirsi percorrendo l’Easy Rider tutto d’un fiato, sfruttando anche i panettoni per qualche figura in aria, appena prima di rientrare nella Peter Pan che riporta all’impianto di risalita.
 
Proprio vicino alla stazione di arrivo c’è un piccolo Pump Track con Skills Area, ottimo per il riscaldamento del primo giro ed indicato anche per i bambini che desiderano divertirsi oltre che per i ragazzi che vogliono imparare i movimenti basilari, che in futuro gli saranno utili in park (per esperienza sappiamo che la passione per la bici può solo evolversi ma non finisce mai!).
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 
Gli altri due percorsi presenti alla Fai Zone sono Apocalipse Now ed Arancia Meccanica che sono per gli esperti. Al momento non sono percorribili per la manutenzione di inizio stagione. Ne approfittiamo per migliorare la tecnica girando sugli altri due percorsi. Ed in questo modo abbiamo la scusa per tornare fra qualche settimana e raccontarvi anche questi!
 
Altra novità del 2018 è l’apertura di un nuovo percorso denominato Jump. Non vogliamo rovinare l’effetto sorpresa ma già dal nome si capisce che ci sarà da divertirsi.
 
Altri percorsi enduro sono disponibili al bellissimo sito www.dolomitipaganellabike.com.
 

SERVIZI

Il punto di partenza per moltissime informazioni è il già citato sito del comprensorio. A nostro parere molto ben strutturato e semplice nella consultazione, da un’idea dell’ampia possibilità di divertimento e di servizi presenti. Nello specifico per quanto riguarda la Fai Zone, possiamo elencare la vasta offerta del park con: noleggio bici Downhill ed Enduro e relative protezioni, servizio guide e maestri marchiati DPB Academy, officina con i principali ricambi.
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 
Per gli amanti di pizza e panini il bar/pizzeria Tre3 alla stazione di Valle e per i più golosi il rifugio “Meriz” alla stazione di monte con molti piatti tipici (entrambi offrono i menù biker che sono completi ed anche economici). Poi ancora il lavaggio bici ed indumenti, le docce, l’area camper (non attrezzata), le colonnine Bike Tools ed un punto di ricarica per e-bike a Santel.
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 

ATTRAZIONI NEI PARAGGI

Alcune delle possibilità di svago non strettamente collegate al bike park della zona le troviamo comunque nello stesso sito del comprensorio. In evidenza alcune strutture alberghiere dotate di comfort come spa e palestra sono naturalmente presenti ed anche vicine all’impianto. Per il resto basta dare un occhio al sito www.visitdolomitipaganella.it. Tanto per citare alcune delle attrazioni, riportiamo il parco faunistico di Spormaggiore con le suggestive rovine di Castel Belfort. Il museo M.A.S. delle Arti e Saperi, proprio a Fai della Paganella, che racconta attraverso piccoli oggetti storici, il passato del luogo. Degni di nota sono anche gli scavi archeologici “Doss Castel” raggiungibili in 20 minuti a piedi dal centro di Fai. Scoperti nel 1979, sono i resti di un antico insediamento della popolazione dei reti, antecedente l’arrivo dei Romani.
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 

CONCLUSIONI

La Fai Zone, bikepark storico della Paganella, si rinnova costantemente e lo abbiamo apprezzato molto anche in questa sua parziale veste in occasione dell’apertura. L’idea è quella di ritornare appena possibile per raccontarvi le nuove modifiche e gli altri tracciati. Le varie piste offrono la possibilità a tutti di usufruire in sicurezza della struttura, dal principiante che si avvicina al gravity ed anche dall’esperto e amante dell’adrenalina. A completare il quadro di una bellissima struttura ci sono il personale gentile e professionale, i servizi offerti molto completi e le numerose possibilità offerte dal territorio, anche quelle non strettamente connesse al mondo della Mtb.
 
Nota: Fai Zone è molto amata anche dal pubblico femminile! Abbiamo notato un buon numero di donne! Sicuramente molte di più che in altre strutture simili. Che sia l’aria del posto o la bellezza dei percorsi? Noi crediamo che la scelta migliore sia quella di andare a Fai a scoprirlo!
 
Fai della Paganella BIKEPARK
 
Testo e foto: Paolo Forner