Mtb in sicurezza – quali scarpe scegliere?


 
Negli ultimi anni le ebike, ma nello specifico le emtb, hanno aperto un nuovo mondo a moltissimi utenti che fino a prima non praticavano mountain bike, per impossibilità, per mancanza di tempo…o per pigrizia.
 
La presenza del motore che assiste la pedalata permette infatti di affrontare uscite più lunghe e con difficoltà più elevate che fino a prima richiedevano una buona dose di allenamento. Ma i molti novelli che si cimentano in questa nuova esperienza molto spesso non sono dotati di attrezzatura tecnica adeguata, e molto spesso, sprovvisti della necessaria conoscenza, affrontano percorsi anche mediamente tecnici senza caschetto, uscendo in t-shirt e pantaloncini classici (o ancor peggio in Lycra) e scarpe da ginnastica.
 
Vediamo oggi di fare chiarezza su alcuni temi riguardanti l’abbigliamento del ciclista “modello”, cioè colui che salvaguarda la propria sicurezza adottando soluzioni tecniche specifiche che gli permettono di avere protezione e performance, rimanendo su una fascia di prezzo ragionevole.
 

LE SCARPE


Essendo questo un articolo dedicato ai neofiti vi preannuncio fin da subito che non tratteremo le calzature dotate di attacco rapido, che necessitano di pedali dedicati, per vari motivi che vi dirò in seguito e che potrebbero interessare anche ai più esperti.
Le scarpe FLAT sono pensate per far appoggiare il piede sui pedali senza alcun vincolo, mantenendo quindi il piede libero di muoversi e di “esprimersi” senza vincoli, oltre a indurre il rider ad assumere posizioni corrette per eseguire le varie manovre durante la guida, come ad esempio il bunny-hop o la spinta in curva e in frenata. Per questo motivo sono le scarpe che consigliamo per imparare ad andare in bici e per migliorare la propria tecnica di guida…consiglio utile anche per chi è abituato ad usare “da sempre” gli attacchi rapidi!
 

 
La scarpa deve avere la suola completamente piatta, perché deve appoggiare sul pedale in modo uniforme, ed è mantenuta salda dai “pin”, delle vitine fissate ai pedali che si conficcano nella suola stessa ed evitano che il piede possa scivolare durante le discese o i tratti più sconnessi. Il sostanziale beneficio delle scarpe flat è quello di avere il piede libero sul pedale e di avere più sensibilità negli arti inferiori.
 

 
Questa libertà è sinonimo di sicurezza per molti, significa poter saltar via dalla bici in caso di necessità, significa poter appoggiare il piede se in curva o su una contropendenza le ruote perdono aderenza. FIVE-TEN è il brand che più di tutti ha fatto delle scarpe flat la propria filosofia, portando anche l’esperienza maturata producendo calzature da arrampicata. Le Five-Ten adottano una suola Stealth, questo è il nome del compound, decisamente morbida ma che non si usura così facilmente e permette di avere sempre un ottimo grip sui pedali. Grazie a questa caratteristica permettono di avere sempre il piede saldo sui pedali anche in condizioni meteo avverse come pioggia e fango, motivo per cui molti atleti le adottano nelle gare di enduro e downhill.
 

 
Rimanendo in tema di sicurezza non sono consigliate le scarpe con suola scolpita (come scarponcini da trekking o scarpe da trail running) perché in termini di grip e stabilità sono penalizzate dalla scolpitura della suola, visto che non tutti i pin riescono a far presa su di esse. Inoltre, le scarpe flat sono consigliate a chi soffre di patologie legate alle ginocchia: essendo svincolate dai pedali il piede lo si può posizionare con qualsiasi angolazione.
 

 
La tomaia assume anch’essa un ruolo molto importante, dev’essere ventilata ma soprattutto resistente all’abrasione in caso di caduta. Nelle scarpe tecniche troviamo materiali decisamente resistenti e zone dallo spessore differenziato per assicurare anche protezione contro gli urti. Nell’esempio qui in foto vi faccio notare come il collo di queste Five-Ten Freerider Pro sia decisamente imbottito, inoltre la zona del tallone è rinforzata e molto abbondante anche verso la caviglia.
 

 
Anche il puntale delle calzature dev’essere resistente agli urti contro eventuali sassi alzati dalla ruota anteriore o a colpi accidentali contro il terreno: la protezione offerta da un’intercapedine dedicata copre la zona delle dita.
 

 
Il prezzo delle scarpe flat spazia circa dai 70€ in su, le Five-Ten Freerider Pro che ho usato come esempio in questo articolo sono vendute a 139.95€ di listino.
 
Quindi avete capito, la sicurezza non è mai troppa. Non è necessario spendere cifre assurde ma piuttosto conviene fare acquisti ben ponderati, com’è il caso di un buon paio di scarpe flat!
 
Testo e Foto: Matteo Pedrech

Seguici, metti MI PIACE alla pagina Facebook MTBTECH.IT –> facebook.com/mtbtech.it