Ebike CROSSOVER, cosa sono e per chi sono?

Quando si parla del vasto panorama ebike (urban, mtb, gravel e crossover) ci si chiede quale possa essere l’evoluzione che ne può conseguire e spesso, come accade nel settore automotive, la tendenza è di segmentare le molteplici categorie di mezzi per trovare una collocazione mirata a soddisfare una nuova richiesta di mercato. La bike industry è attenta ad ogni cambiamento di necessità degli utenti che oggi sono sempre più esigenti e questo sprona le aziende a fare forti investimenti per progettare e realizzare prodotti mirati, in modo che ogni utente possa trovare il modello a lui più adatto.

Nasce così e si affina velocemente il segmento delle ebike crossover.

Ebike crossover: cosa sono?

Il termine inglese crossover significa incrocio e fa capire fin da subito che le bici in questione uniscono più tipologie di prodotto. Le crossover integrano le funzionalità mtb e trekking con la possibilità di essere utilizzate in città. Queste nuove e-bike vanno ancor più incontro alle esigenze e assecondano la passione dei ciclisti, che le guideranno magari per commutare finalmente il tragitto casa lavoro abbassando così le spese di trasporto quotidiane e per sfruttare al meglio il tempo libero sempre più prezioso pedalandole dalle ciclovie alle strade bianche delle migliori rotte ciclistiche del mondo.

Ebike CROSSOVER

Mezzi incredibilmente multiuso devoti alla versatilità e al puro piacere della pedalata che uniscono e soddisfano sia la voglia di viaggiare e godersi i paesaggi che la semplice esigenza di spostarsi per svolgere le proprie commissioni e lasciare così nel box l’automobile sempre più assetata di benzina.

Come sono fatte:

Molte sono le aziende leader del mercato bici e di recente anche provenienti dal settore auto e moto che danno un’interpretazione del segmento crossover sviluppando progetti che soddisfano di certo ogni tipo di esigenza in fatto di: versatilità, robustezza, praticità e capacità di carico. Tendenzialmente i telai vengono progettati con geometrie comode e le bici escono di serie complete di parafanghi, portapacchi, reggisella telescopici, selle comode, fanaleria anteriore e posteriore a costi non esorbitanti.

Sono equipaggiate di power unit potenti e batterie sempre più performanti a seconda degli allestimenti per sfruttare sempre al meglio il mezzo al quale appunto per la sua dote di versatilità si può chiedere dal massimo delle prestazioni fino al massimo dell’autonomia di esercizio.

Per chi sono:

Con tutte le doti descritte e con tutte le interpretazioni e peculiarità tecniche che contraddistinguono il segmento delle ebike crossover si può tranquillamente pensare che non esista davvero una precisa tipologia di rider per il segmento, perché in sella a questo tipo di bici può trovare posto una vasta tipologia di pubblico che va dall’utente che preferisce la bici perché attento ai sempre più alti costi di esercizio di un’auto, al ciclista appassionato che vuole affrontare un viaggio in completa sicurezza e con un ottimo comfort e semplicità di guida, a tutti quei ciclisti urban che sempre più riescono a sfruttare le città per tempo libero o per necessità, ovviando al problema dei parcheggi, ai tempi di spostamento causati dal traffico e alle restrizioni anti-inquinamento imposte.

Ebike CROSSOVER

Personalmente ritengo che questa tipologia di bici sia nata per essere vissuta con spensieratezza. La loro versatilità e confort porta il rider ad essere consapevole che il mezzo può essere sfruttato per molteplici usi e la sua solida struttura aiuta ad accrescere quel feeling a volte velato tra uomo e macchina. Ora la palla passa al mercato, a noi del settore piace e siamo in molti ad essere convinti che questo segmento sarà molto apprezzato e gradito da un pubblico sempre più vasto.

Con un’ottica sempre più eco-friendly e, a fronte dei recenti aumento dei costi dell’autotrazione, non fa altro che rendere ancora più esponenziale il beneficio economico ed ecologico delle bici in tutte le loro forme con la community degli utenti, che pian piano -ma con crescente impatto- sta sensibilizzando la politica che con tutte le difficoltà territoriali sta lavorando per integrare urbanisticamente le bici, fiduciosi che stia anche evolvendo la mentalità civica per il rispetto del ciclista e del pedone.

Immaginiamoci sempre sorridenti in sella alla nostra bici per partire e pedalare in piena sicurezza con il sole o al crepuscolo, con il vento a favore o a sfavore non importa, con amici o in solitaria…a riempire il nostro viaggio e le nostre valigie di vita e salute fisica e mentale.

Maggiori info sulle Crossover Flyer a questo link: www.flyer-bikes.com

Testo: Andrea Brunato
Foto: Flyer e-bikes

Seguici, metti MI PIACE alla pagina Facebook MTBTECH.IT –> facebook.com/mtbtech.it

Share