CANYON SPECTRAL CF 8.0 2019

Siamo onesti, se parliamo di enduro viene subito da pesare a mountain bike con 160/170 mm di escursione, angoli sterzo prossimi ai 65 gradi e ultimamente anche l’arrivo delle ruote da 29 pollici.
 
In questo test vi parliamo invece di una mountain bike con telaio in carbonio, 160 mm di escursione all’anteriore e “soli” 150 mm al posteriore, dulcis in fundo: ruote da 27.5 pollici… e non è una mountain bike di qualche anno fa, tutt’altro, la nuova CANYON SPECTRAL CF 8.0 ci ha sbalorditi e la considerazione che vi lasciamo a fine test potrebbe farvi rimanere a bocca aperta.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 

COM’È FATTA:


Canyon ha dotato la nuova SPECTRAL CF 8.0 di telaio in carbonio con carro in alluminio e la cinematica della sospensione posteriore prevede un quadrilatero rinnovato, rispetto alle classiche versioni fino ad un paio d’anni fa. Cambia la posizione dei fulcri e cambia il fissaggio dell’ammortizzatore, ora assicurato alla tubazione diagonale.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Prendendo ispirazione dalla DH Sender, Canyon ha sviluppato il sistema di sospensione della SPECTRAL dotato della Triple Phase Suspension, la quale prevede un comportamento molto sensibile ai piccolo urti, stabile e sostenuto in zona di SAG e moderatamente progressivo nel finale per sfruttare pienamente tutta l’escursione evitando sgradevoli fondocorsa.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Lavorazioni di lusso su questo telaio in carbonio, come il piantone sella con morsetto di fissaggio integrato, movimento centrale massiccio per garantire la massima rigidità e la giunzione del top tube con la tubazione diagonale che forma una serie sterzo imponente.
Tra le soluzioni più interessanti troviamo la possibilità di montare un portaborraccia, la predisposizione per il cambio Di2 e l’alloggio della batteria, mente il passaggio cavi è esterno ma ben sistemato e mimetizzato da una piastra sotto la tubazione diagonale che funge anche da protezione. Non meno importante, ma ormai è uno standard, la predisposizione per il reggisella telescopico stealth.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Come in tutte le Canyon, ormai da anni è immancabile il sistema Impact Protector Unit che impedisce al manubrio di ruotare eccessivamente in caso di caduta e quindi di rovinare il telaio.
 
Con un angolo sterzo di 66° ed un wheelbase di 1172mm, possiamo affermare che il brand tedesco è rimasto su quote “umane” per questa CANYON SPECTRAL CF 8.0, anche grazie alla presenza del modello Strive molto più spinto ed aggressivo. La misura di REACH è nella media del segmento, mentre lo STACK leggermente più basso fa intuire una guida più caricata sull’anteriore e un telaio mediamente compatto.
 

COMPONENTI


Sebbene la CANYON SPECTRAL CF 8.0 si posizioni come allestimento medio nella gamma, troviamo delle soluzioni molto valide per quanto riguarda la trasmissione, completa Shimano XT, cambio Shadow+ e cassetta 11-46 e pedivelle da 170mm con corona da 32 denti.
 
Ammortizzatori entrambi Fox, forcella 36 Performance EVOL con regolazione della velocità di ritorno, bloccaggio e regolazione della compressione alle alte velocità. Ammortizzatore posteriore DPX2 dotato di piggy-back con regolazione del ritorno e bloccaggio tramite la levetta blu posta a sinistra.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Molto belli i nuovi freni Shimano XT Trail, dotati di pinze a 4 pistoncini (rispetto ai 2 della versione precedente) e pastiglie con lamelle in grado di dissipare maggiormente il calore prodotto dalla frenata. Entrambi i dischi sono della serie XT, all’anteriore 200mm mentre al posteriore leggermente più piccolo, 180mm. Le leve molto ergonomiche prevedono oltre alle classiche registrazioni, anche la regolazione del punto di contatto delle pastiglie sul disco.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Il reparto ruote è composto dal nuovo set DTSwiss M1700, con cerchi in alluminio dal canale largo, 32 raggi a testa dritta fissati sugli ormai sempre apprezzati mozzi DTSwiss. La ruota-libera con il classico Ratchet System di DTSwiss ha un angolo d’ingaggio sempre molto basso. Copertoni di altissimo livello previsti nel montaggio della <CANYON SPECTRAL CF 8.0, Maxxis DHR II sia al posteriore che all’anteriore, entrambi da 2.4 di larghezza, dotati di 3 mescole e tecnologia EXO che prevede una carcassa rinforzata. Entrambi, ovviamente, Tubeless Ready.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
La sella è una SDG Radar, sempre molto apprezzata nell’enduro, sorretta da un reggisella telescopico stealth Fox Transfer da ben 150mm e provvisto di comando al manubrio.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Manubrio da 800mm di larghezza, in alluminio, ed attacco manubrio da 50mm estremamente largo ed imponente.
 

Bando alle ciance, saliamo in sella!


 

VIDEO



 

IL TEST


Come da abitudine, il brand tedesco Canyon ci invia le bici come le invierebbe agli utenti privati, quindi le operazioni per la messa “in strada” sono le medesime. Una volta svuotato lo scatolone troviamo la mountain bike preassemblata, è necessario solamente montare la ruota anteriore, regolare il manubrio e fissare il reggisella. Cambio e freni sono già regolati e pronti all’uso. Le classiche regolazioni si dimostrano estremamente semplici, dal sag alla regolazione della sella e del manubrio.
 
Una volta saliti in sella la posizione di guida è discretamente centrale ma con il peso leggermente caricato sul manubrio. Notiamo subito come il carattere della Spectral non sia estremamente enduristico come prevede il trend in questo settore, ma la posizione in sella risulti bensì azzeccata in un’ottica trailride.
In fase di set-up abbiamo settato le unità ammortizzanti al 30% di Sag.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Un appunto molto importante: il manubrio in dotazione viene consegnato della larghezza più ampia, 80cm, per cui è necessario tagliarlo alla larghezza idonea così da sfruttare appieno le doti della mountain bike in questione. Non sapete quant’è la larghezza corretta per la vostra fisionomia? Leggete qui: www.mtbtech.it/2019/01/larghezza-manubrio-mtb-mountainbike.
 

IN SALITA


Sebbene l’aspetto e i componenti possano far pensare ad una declinazione più enduristica, la CANYON SPECTRAL CF 8.0 dimostra doti molto buone anche in salita, merito di un telaio molto rigido e leggero e di un insieme di componenti di pregio e molto orientati alla funzionalità, seppur non top di gamma. Ma andiamo per ordine.
 
La posizione del rider centrale al mezzo ma con l’avantreno discretamente caricato agevola le fasi di salita ripida, evitando quasi totalmente i fenomeni d’impennamento, pur mantenendo un ottimo grip della ruota posteriore. Grip reso tale anche dalle gomme DHR II di altissima qualità e dal carattere spiccatamente discesi stico, dotate di mescola 3C MAXX GRIP all’anteriore e 3C MAXX TERRA al posteriore. Ottima soluzione per ciò che concerne il grip ma il disegno non è dei più scorrevoli e lo si nota maggiormente nei lunghi tratti di salita costante, dove la differenza di coperture potrebbe essere un indice determinante sulla performance.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Come diciamo spesso le trasmissioni dotate di una sola corona rischiano di mettere in difficoltà i neofiti o chi è meno allenato, per il fatto che non sono in grado di offrire un range di rapporti sufficiente per accontentare tutti. Se SRAM con la serie Eagle adotta cassette da ben 12 rapporti fino a 50 denti, Shimano per la serie XT utilizza ancora una cassetta a 11 velocità rapportata fino a 46 denti. Fortunatamente la corona da 32 denti è facilmente sostituibile con una da 30 o 34, acquistabile aftermarket, per adeguare la rapportatura al proprio livello di allenamento. Il gruppo Shimano garantisce in qualsiasi situazione una precisione di cambiata e costanza nel tempo quasi impareggiabile, oltre ad avere il pulsante inferiore del manettino in grado di gestire la cambiata, verso i rapporti più lunghi, sia in tiro che in spinta.
 
Nelle salite particolarmente tecniche il formato ruote da 27.5 e la geometria del telaio azzeccata, rendono la CANYON SPECTRAL CF 8.0 decisamente agile, in grado di arrampicarsi con una precisione di guida ai vertici della categoria. In questi frangenti non consigliamo di bloccare del tutto forcella e ammortizzatore, ma di lasciare un minimo di libertà così che possano assecondare e copiare il terreno.
 

IN DISCESA


Sebbene in salita ci sia piaciuta veramente molto, è in discesa che questa CANYON SPECTRAL CF 8.0 strappa sorrisi a 32 denti e massimo divertimento.
 
Rispetto alle moderne endurone la Spectral è molto bilanciata, come giustamente dev’essere una trail riding molto spinta volta al divertimento, e riesce a mettere a proprio agio fin dal primo istante.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Il peso di 14kg in taglia M, con ruote tubeless, non è ai vertici della categoria, tenendo conto anche del telaio in fibra di carbonio, ma come spesso ricordiamo: il peso non è un indicatore di alta o bassa qualità, piuttosto va considerato nell’insieme e in base alla destinazione d’uso della mountain bike. La reattività della CANYON SPECTRAL CF 8.0 porta ad un utilizzo anche estremo e soprattutto giocoso, la soddisfazione nell’ollare gli ostacoli senza alcuna difficoltà o entrare in curva con la ruota dietro palesemente di traverso. Le geometrie, sebbene non estreme, consentono di cimentarsi senza alcuna sensazione di inferiorità in eventi agonistici di enduro o in giornate in bike park.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Il telaio è decisamente rigido che permette alla SPECTRAL CF di scattare molto velocemente, anche per merito di una sospensione posteriore molto progressiva che quindi da metà corsa inizia ad essere ben sostenuta. Abbiamo apprezzato le qualità di assorbimento anche nei tratti veloci e più scassati, dove non siamo mai arrivati a violenti fine corsa dell’ammortizzatore, ma abbiamo constatato come la sospensione rimanga attiva in tutti i frangenti della discesa, frenata compresa. A proposito di frenata, l’impianto frenante Shimano XT a quattro pistoncini e dotato di pastiglie con dissipatore di calore si dimostra per l’ennesima volta una delle migliori soluzioni sul mercato come rapporto qualità-prezzo.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 
Unità ammortizzanti FOX evolute e degne di una mountain bike da enduro pronto-gara, cerchi rigidi e dal canale decisamente largo, copertoni di altissima qualità e un telaio dalle geometrie moderne ma non estremizzate: possiamo riassumere così i punti cruciali di questa CANYON SPECTRAL CF 8.0.
 
CANYON SPECTRAL CF 8.0
 

NOTE


L’abbiamo anticipato durante il test, la CANYON SPECTRAL CF 8.0 viene venduta con il manubrio da ben 80cm di larghezza, consigliamo di tagliarlo ad una misura più logica in funzione della propria corporatura e anche alla destinazione d’uso della bici. Per darvi un’indicazione vi consigliamo di tagliarlo a 76 o massimo 78cm.
 
Inutile dirlo, ma la trasformazione in tubeless è d’obbligo!
 

CONCLUSIONI


La CANYON SPECTRAL CF 8.0 ricopre la gamma all-mountain di Canyon, settore che include le trailbike più spinte fino alle enduro più leggere. Biciclette in grado di portare i bikers verso avventure in montagna, apprezzabile nelle lunghe pedalate in salita ma ancor di più nelle discese più impegnative. La Spectral ricopre in pieno questa destinazione d’uso, rivelandosi una mountain bike completa e destinata al biker che in sella vuole giocare e divertirsi, anche facendo numeri funambolici da mettere in mostra agli amici della domenica. 😉
 
Durante la guida in discesa ci ha stupiti maggiormente per l’agilità dimostrata e per la qualità dell’impianto frenante, che riteniamo uno dei migliori attualmente sul mercato. In salita si è rivelata un’ottima arrampicatrice nei tratti tecnici mentre a causa (soprattutto) delle gomme poco scorrevoli abbiamo sofferto un po’ i tratti costanti e pedalati. Il telaio Canyon garantito 6 anni è un vero passo avanti rispetto ai modelli di un paio d’anni fa, ora molto più rigido torsionalmente e reattivo, frutto di importanti sviluppi da parte del produttore tedesco.
 
L’allestimento CF 8.0 prevede una serie di componenti volti ad assicurare affidabilità e durata nel tempo, a discapito del peso. Chi volesse puntare ad abbassarlo, per migliorarne le performance, potrebbe sostituire le ruote con un paio in fibra di carbonio, o sostituire il manubrio con uno sempre in fibra di carbonio.
 
Una volta terminato il test ci siamo soffermati su una sensazione che ci ha donato questa CANYON SPECTRAL CF 8.0, e che vorremmo trasmettervi: per divertirsi non è necessario avere escursioni sempre maggiori o geometrie spinte. Molto spesso le capacità dei rider, in relazione ai comuni trail che frequentano, vengono esaltate maggiormente da mountain bike di questo genere, facili da guidare.
 
Nell’insieme affermiamo che il prezzo, pari a 3499,00 €, sia abbondantemente giustificato dalla qualità generale della mountain bike in questione. La CANYON SPECTRAL CF 8.0 è disponibile in colorazione Stealth o Mint Blue, come questa provata da noi.
 
 
Cosa non ci è piaciuto:
Manubrio di serie troppo largo
Peso non dei più bassi
Cosa ci è piaciuto:
Rapporto qualità/prezzo
Ampia sfruttabilità
Componenti efficienti

 
Link al sito Canyon: www.canyon.com/it-it/mtb/spectral/2019/spectral-cf-8-0
 
 
Testo: Matteo Pedrech
Foto e Video: Matteo Pedrech e Silvia Rech
 
Seguici, metti MI PIACE alla pagina Facebook MTBTECH.IT –> facebook.com/mtbtech.it

Matteo Pedrech