OHLINS TTX ad aria per la downhill


 
Siamo a Sestola per seguire la finale del Circuito Nazionale Gravitalia 2019 e abbiamo notato una particolarità sulla Nukeproof dell’atleta Stefano Introzzi (Scoutbike.com), un nuovo ammortizzatore Ohlins TTX ad aria dedicato alla downhill in test presso il preparatore Atomic Bike di Varese.
 

 
Ad ora per la downhill Ohlins propone il TTX a molla, mentre la soluzione ad aria è dedicata all’enduro, ma a quanto pare sono in atto test per lo sviluppo di un ammortizzatore ad aria anche per la disciplina discesistica per autonomasia.
 

 
La base di partenza è stato il TTX ad aria da enduro uscito quest’anno, opportunamente modificato sia nelle dimensioni che in alcuni dettagli dell’idraulica per meglio adattarlo a quest’utilizzo più intensivo.
Misura 250 mm di lunghezza e sentendo i pareri dell’atleta sul comportamento, pare essere molto sensibile nella prima parte di corsa come un’ammortizzatore a molla, per poi diventare progressivo e poter essere regolato come siamo abituati per gli ammortizzatori ad aria. Curva di progressione modificabile anche attraverso dei token, che invece non è possibile regolare negli ammortizzatori a molla. Inoltre la riduzione di peso pare essere consistente.
 

 
Dai primi test le temperature d’esercizio sembrano rimanere su valori molto bassi per essere ad aria, a tutto vantaggio delle prestazioni che rimangono invariate anche dopo utilizzi molto gravosi.
 
Per quanto riguarda le regolazioni è possibile settare la compressione alle basse e alte velocità, il ritorno, la curva di compressione attraverso i token e la pressione dell’elemento elastico: l’aria.
 

Vi daremo ulteriori news appena riusciamo ad avere i dati tecnici e riscontri in gara.
 
Testo e Foto: Matteo Pedrech
 
Seguici, metti MI PIACE alla pagina Facebook MTBTECH.IT –> facebook.com/mtbtech.it