Test gomme MICHELIN FORCE XC

 
Siamo stati invitati da Michelin alla presentazione riservata agli operatori media svoltasi in questa primavera nella meravigliosa Costa Azzurra, a Nizza.
In quel paesaggio circondato da mimose abbiamo visto e provato le nuove gomme da XC e All-Mountain della casa francese.

In questa estate 2017 abbiamo quindi potuto provare queste novità dedicate all’XC. Stiamo infatti parlando delle nuove MICHELIN FORCE XC, copertoni dedicati ad un utilizzo racing e per questo il nostro tester d’eccezione è stato Ivan Zulian, campione italiano di crosscountry nel 2014, 2015 e 2016.
 
MICHELIN FORCE XC
 
Con la nuova gamma 2017 Michelin si rilancia nel mondo del crosscountry agonistico, dopo un passato di alti e bassi nel quale gran parte degli utilizzatori ha dirottato gli interessi verso altri brand. Per trovare uno degli ultimi modelli che hanno sostanzialmente segnato la storia dobbiamo tornare alle Wildgripper Green di un decennio abbondante fa, qualcuno se le ricorda?

Ma torniamo con i piedi al presente e vediamo queste nuove FORCE XC.
 

COME SONO FATTE

Il nuovo packaging di Michelin prevede il confezionamento con il copertone arrotolato su se stesso per evitare il più possibile di danneggiare la spalla, con l’etichetta che ne indica tutte le caratteristiche sulla parte superiore.

Le gomme ricevute in test sono le MICHELIN FORCE XC da 2.10 di larghezza e 29 pollici di diametro, la misura più utilizzata nel mondo crosscountry.
 
MICHELIN FORCE XC
 
Il battistrada è ricco di piccoli tasselli relativamente bassi e direzionati verso la parte anteriore, strutturati in modo abbastanza complesso, e ora vediamo di analizzarli.

Innanzitutto possiamo dividere le tipologie di tasselli in due gruppi, quelli centrali e quelli laterali. Centralmente infatti troviamo dei tasselli piuttosto allungati in senso longitudinale con la parte frontale smussata a circa 45°, rispetto al canonico spigolo a 90°, per ammorbidire quindi l’angolo d’attacco con il terreno e rendere la gomma più scorrevole. La zona centrale ha una linea di mezzeria che si allarga e restringe in base alla disposizione dei tasselli, apprezziamo sempre questo tipo di disegno perché amplifica la direzionalità della gomma.

Lateralmente troviamo dei tasselli squadrati che, secondo i tecnici Michelin (ma se continuate la lettura avrete il nostro parere) dovrebbero mantenere sostenuta la spalla donando grip nelle situazioni di piega più pronunciate.
 
MICHELIN FORCE XC
 
Il battistrada possiamo dire che è molto arrotondato ed armonioso, la transizione tra i tasselli centrali e quelli laterali è coperta e non presenta sezioni vuote.

I MICHELIN FORCE XC sono composti dalla nuova mescola GUM-X3D, e come abbiamo appreso questa primavera alla presentazione, le mescole X2D e X3D appartengono alle nuove generazioni di mescole ad alte prestazioni della serie GUM-X. Questa famiglia di mescole permette di associare in uno stesso pneumatico tre performance distinte: grip, distribuzione della potenza di pedalata, e durata.

  • GUM X2D (performance e trazione): è una mescola di due gomme diverse sullo stesso pneumatico. La mescola al di sotto del battistrada, Race Compound, direttamente collegata alla potenza della pedalata, offre una performance eccellente. La mescola esterna ottimizza le performance senza perdita di grip, contribuendo anche all’eccellente performance in frenata.
  • GUM X3D (performance, trazione e aderenza): è una mescola di tre gomme diverse nello stesso pneumatico. Agli elementi caratterizzanti la mescola X2D si aggiunge il grip nella zona delle spalle, che contribuisce alla notevole aderenza.

 
MICHELIN FORCE XC
 
Per quanto riguarda la spalla dei MICHELIN FORCE XC, grazie alla tecnologia MICHELIN SHIELD fanno parte di una nuova generazione di pneumatici che combinano un’armatura della carcassa a fibra rinforzata ad altissima densità con specifiche architetture, che in questo caso si sviluppano in 3 strati da 110TPI.

Le Michelin Shield si dividono in:

  • RACE SHIELD: ultra leggera, questa versione 3×150 TPI si caratterizza per un incredibile livello di performance e di morbidezza, offrendo allo stesso tempo notevoli qualità di robustezza grazie a una fibra di rinforzo ad alta densità.
  • CROSS SHIELD: in versione 3×110 TPI, per il CrossCountry, leggera e resistente, la cui robustezza è data da una fibra di rinforzo ad altissima densità.
  • TRAIL SHIELD: per l’All-Mountain e il Trail, molto resistente, con una tela di rinforzo ad alta densità, in versione 3×60 TPI.

La combinazione di queste nuove generazioni di gomme e di carcasse sviluppate ad hoc permette al rider di poter contare su tutte le performance dei suoi pneumatici senza rinunciare alla durata. Queste tre versioni sono state sviluppate e testate dai migliori rider enduro mondiali, oltre che in Coppa del Mondo con il Team BH-SR Suntour-KMC nel 2016.

Ma vediamo come si sono comportante durante il test.
 

IL TEST

Abbiamo ricevuto da MICHELIN le nuove FORCE XC nella misura di 2.10 di larghezza e 29 pollici di diametro, un formato molto utilizzato in ambito racing. Le MICHELIN FORCE XC sono disponibili anche nella larghezza di 2.25, sia nel formato 27.5 che 29 pollici.
Una volta tolte dall’imballo le abbiamo aperte per far sì che prendessero la forma circolare, non abbiamo notato alcuna pizzicatura del cerchietto essendo flessibile e la successiva installazione rigorosamente tubeless si è rivelata immune da particolari difficoltà, anzi per farle tallonare non hanno richiesto l’utilizzo del compressore.

Il peso delle gomme in test si attesta a 631g, in linea con il peso riportato dalla confezione, con una differenza di soli 3 grammi da una gomma all’altra, segno inequivocabile di buona fattura del prodotto.
 
MICHELIN FORCE XC
 
Durante il periodo di prova il nostro tester Ivan Zulian le ha utilizzate in moltissime situazioni, compresa qualche gara, arrivando a finire quasi del tutto il battistrada!

L’installazione è stata fatta su due tipi di cerchi, i primi con canale da 27mm mentre successivamente con canale da 24mm, la preferenza sulla pressione d’esercizio è stata di circa 1.3 all’anteriore e 1.4 al posteriore, con un aumento di circa 0.2 bar quando montate su cerchi dal canale più stretto. Per entrambi il montaggio è stato tubeless con circa 70 ml di liquido sigillante.

Durante la prova sul campo abbiamo constatato come il terreno bagnato non sia ideale per queste coperture, pertanto vi diciamo sinceramente che ha poco senso l’utilizzo in questa condizione. Il grip in trazione e frenata è ridotto al minimo in quanto l’alto numero di tasselli, oltretutto poco pronunciati, non permette uno scaricamento del fango adeguato. Anche su terreni molto drenanti le performance non cambiano di molto sebbene la mescola morbida aiuti in presenza di sassi.
 
MICHELIN FORCE XC
 
Ma queste sensazioni si ribaltano appena le FORCE XC entrano in contatto con terreno asciutto…
Caratterizzate da una mescola particolarmente morbida, le MICHELIN FORCE XC hanno stupito per la loro durata visto che tendenzialmente la maggior morbidezza della mescola è sinonimo di durata chilometrica inferiore, ma non stavolta. La mescola GUM-X 3D si è rivelata infatti molto durevole oltre a donare un grip in linea con le aspettative. Senza dubbio parte del merito della resa chilometrica è da attribuire alla forma dei tasselli aventi un angolo d’attacco smussato che crea meno resistenza e quindi ne diminuisce l’usura.

La carcassa CROSS SHIELD ha una struttura ed una resistenza alle rotture (sfregamenti e strappi) molto buona rispetto ad altre gomme di pari peso: per tutta la vita delle gomme non abbiamo infatti rilevato danni strutturali. Tale tecnologia mantiene comunque la carcassa relativamente morbida garantendo un ammortizzamento dei piccoli sobbalzi che in termini di prestazioni si tramuta in maggior comfort, maggior grip e maggiore precisione di guida.
 
MICHELIN FORCE XC
 
In particolari occasioni è possibile utilizzare la gomma posteriore montata nel senso inverso a quello proposto da MICHELIN per far sì che i tasselli abbiano un angolo d’attacco di 90°… e di conseguenza giovare di un ottimo grip in pedalata! Utile quindi se il terreno non è troppo compatto e la trazione nelle salite tecniche si rivela pertanto fondamentale.

La rotondità del battistrada, visto in sezione, rende queste MICHELIN FORCE XC facili da utilizzare anche dai meno esperti, di fatto la transizione tra i tasselli centrali e quelli laterali è accompagnata molto bene da una tassellatura intermedia che ricopre gli spazi, garantendo una tenuta pressoché costante in tutto il raggio di piega.
 
MICHELIN FORCE XC
 
Come si evince dalle foto i tasselli laterali sono molto pronunciati e spigolosi per garantire tenuta anche nelle pieghe più spinte, in questo frangente la scorrevolezza (ricercata e ottenuta quando la bicicletta è perpendicolare al terreno) si fa da parte lasciando spazio al grip e alla sicurezza, non potevamo chiedere di meglio.
 

CONCLUSIONI

Le parole d’ordine sono scorrevolezza e rapidità, qualità principali di questi copertoni che ci sono particolarmente piaciuti sia in ambito racing che per situazioni più ludiche. Donano una certa facilità di guida, nei terreni più asciutti e compatti, pertanto consigliate sia all’agonista sia a chi non ha molta esperienza, visto come non abbiano mai messo in crisi durante la guida.
Abbiamo apprezzato le MICHELIN FORCE XC per la loro rinnovata tecnologia che ha permesso a Michelin di tornare ai vertici della categoria sebbene il peso medio delle dirette concorrenti si attesti a circa 30 grammi in meno per gomma. L’agonista più sfegatato potrebbe non mandare giù questa differenza, mentre chi ritiene siano parametri importanti anche la resistenza e la solidità ne rimarrà molto soddisfatto.

Il prezzo online si attesta tra i 40 ed i 55€, in media con le gomme di pari segmento.

Sito del produttore: bike.michelin.com
 
Tester Ivan Zulian
Testo e foto: Matteo Pedrech

Seguici, metti MI PIACE alla pagina Facebook MTBTECH.IT –> facebook.com/mtbtech.it

Matteo Pedrech