Test CANYON EXCEED CF SL 6.9

Attraverso questo test vogliamo farvi conoscere la CANYON EXCEED CF SL 6.9 2017, e capire se per iniziare a gareggiare è indispensabile utilizzare biciclette da migliaia e migliaia di euro, visto che sono quasi sempre protagoniste nei test delle riviste di settore.

Conosciamo allora più da vicino questa EXCEED CF SL 6.9 che copre la posizione di partenza della gamma Exceed, mantenendo un prezzo inferiore ai 2000€.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
Le Exceed sono le biciclette da crosscountry front ad alte prestazioni del noto marchio tedesco che si è fatto, e si sta facendo, sempre più apprezzare per un rapporto qualità-prezzo molto vantaggioso, agevolato anche dal fatto di vendere direttamente online, senza quindi intermediari o distributori.
 

 

COM’È FATTA

Come abbiamo appena detto, la CF SL 6.9 è il modello entry level della serie Exceed, dotata di telaio in carbonio e ruote da 29 pollici.

Vediamo quindi nel dettaglio il particolare montaggio di questa mountain bike da crosscountry e le caratteristiche del telaio.

IL TELAIO

Realizzato interamente in carbonio, il telaio della EXCEED CF SL 6.9 è caratterizzato da forme morbide e sinuose, dall’aspetto ordinato e molto race oriented. Rispetto alle sorelle SLX il carbonio utilizzato è meno raffinato, anche per mantenere un prezzo più appetibile, e questo porta la differenza di peso a circa 250g attestandosi quindi a 1050g per la taglia M, in test.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
Non mancano invece i dettagli tecnici di alto livello, troviamo infatti l’alloggio per l’eventuale cambio elettronico Shimano Di2 sotto alla tubazione diagonale vicino al movimento centrale (per mantenere i pesi centrati e bassi), oltre alla predisposizione per poter installare un reggisella telescopico con passaggio interno del cavo.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
Andando con ordine, il carro posteriore ha una battuta di 142mm, più stretta rispetto alla più in voga (con valide motivazioni) misura BOOST allargata fino a 148mm. L’attacco della pinza freno è incarnato tra il fodero superiore e quello inferiore, mentre i foderi superiori hanno una forma tale da dissipare le vibrazioni provenienti dalla ruota.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
La lunghezza dal movimento centrale al perno posteriore varia in base alla taglia, è di 427mm per il frame in taglia M, una misura nella media che dovrebbe presagire buona stabilità ma anche una certa agilità, staremo a vedere! 🙂
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
Il triangolo anteriore comprende una tubazione diagonale di dimensioni importanti dotata di passaggio cavi interno.
Quest’ultima si congiunge al piantone sella creando un movimento centrale anch’esso oversize e di tipo pressfit.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
Nella parte superiore il tubo orizzontale appare come un prolungamento dei foderi superiori in quanto l’innesto, che avviene all’incrocio con il tubo verticale, non è netto ma ben accoppiato nelle forme rendendolo armonico.

Anteriormente la serie sterzo conica è vincolata dal sistema di bloccaggio della rotazione denominato Impact Protection Unit che evita in caso d’impatto che il manubrio colpisca il telaio rischiando di danneggiarlo.
 

 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 

I COMPONENTI

Questa CANYON EXCEED CF SL 6.9 è allestita in maniera “genuina” e con un occhio di riguardo all’aspetto dell’affidabilità.

Troviamo infatti un gruppo SHIMANO misto tra XT nei cambi ed SLX nella guarnitura a doppia corona 28-38, oltre al pacco pignoni da 11 velocità con il pignone da 42 come rapporto più agile. Il deragliatore posteriore, essendo di ultima generazione, comprende una frenatura dell’oscillazione.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
La forcella è di casa ROCKSHOX, modello REBA RL ad aria, con regolazione del ritorno e blocco remoto al manubrio, mentre lo stelo di destra comprende un o-ring che facilita le operazioni di regolazione del SAG. La battuta è boost 110mm e il perno passante è da 15mm di diametro.

CANYON EXCEED CF SL 6.9
CANYON EXCEED CF SL 6.9

I cerchi sono affidati a MAVIC che ha allestito questa Exceed con dei Crossride da 24 raggi per ruota e il canale da 21mm. Il peso per la coppia è di 1960g.

Su di essi sono montate delle gomme CONTINENTAL X-King già trovate in altri allestimenti di primo assemblaggio, la larghezza è di 2,2 pollici e il diametro ovviamente 29 pollici.

CANYON EXCEED CF SL 6.9

Terminano il montaggio un impianto frenante SHIMANO Deore con dischi da 180 e 160mm di diametro, e la sella SELLE ITALIA SLS sorretta da un reggisella IRIDIUM in alluminio.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9


CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
Frontalmente manubrio e attacco manubrio in alluminio sono anch’essi IRIDIUM, il primo largo 720mm e con 10mm di rise, mentre il secondo è lungo 60mm.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 

IL TEST

L’imballo di CANYON arriva a noi tester nello stesso modo con il quale arriva agli utilizzatori finali, quindi apprestandoci ad aprirlo troviamo la bicicletta praticamente preassemblata, alla quale è sufficiente fissare il manubrio, il reggisella, e la ruota anteriore, oltre poi a regolare le unità ammortizzati con gli attrezzi presenti nel kit fornito in dotazione.

La bici ricevuta in taglia M pesa 11,2kg senza pedali ed i colori a disposizione sono due, il black see e lo stealth, e quest’ultimo caratterizza la bici in test.

IN SELLA

La posizione iniziale, con l’attacco manubrio rivolto verso l’alto l’abbiamo considerata meno performante, caratterizzando una guida un po’ meno reattiva causata da un carico non sufficiente sull’avantreno. Girando l’attacco manubrio il comportamento della CANYON EXCEED CF SL 6.9 migliora nettamente, il peso spostato leggermente sull’anteriore dona più feeling, com’è giusto che sia per una bici con ruote da 29 pollici.

La geometria rispecchia la media di questa tipologia, pur contando su quote importanti come ad esempio la lunghezza dei foderi inferiori in ben quatto misure differenziate in base alla taglia del telaio scelto, e di taglie ce ne sono cinque!
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
Nel complesso la posizione di guida non è estrema e ciò genera un beneficio… che scopriremo più avanti con il test. 🙂
Le regolazioni iniziali sono facilitate dall’o-ring in gomma e dalla tabella riportata sul fodero sinistro per quanto riguarda il sag, mentre le gomme sono tubeless ready ed è meglio provvedere immediatamente a tale trasformazione!

IN SALITA

Senza dubbio uno dei frangenti più importanti per le bici da crosscountry, ed è qui che il telaio in carbonio si fa gustare al meglio.
Se apparentemente è molto simile alle versioni SLX, almeno a livello estetico, nella sostanza è invece realizzato adottando una fibra meno raffinata che lo rende leggermente meno rigido e con un aggravio di peso di circa 200 grammi. Il vantaggio immediatamente percepibile è indubbiamente il costo, ma andiamo a scoprire com’è la resa ai fini prestazionali.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
In salita la maggior flessibilità del telaio permette di farlo apprezzare anche agli utilizzatori amatoriali che cercano, oltre ad elevate prestazioni, anche una comodità che certi telai molto spinti non sono in grado di offrire.
La posizione di guida è di tipo racing, quindi con il peso leggermente caricato sull’avantreno soprattutto utilizzando l’attacco manubrio nel verso con inclinazione negativa.

Nelle salite più tecniche la EXCEED 6.9 si è rivelata precisa nella guida e le gomme Continental X-King garantiscono grip in tutte le situazioni di guida più comuni dando il meglio di sé sui terreni leggermente mossi superficialmente. Gli impennamenti lungo i tratti più ripidi e ostici non si verificano e non è necessario eseguire avanzamenti esagerati del peso in punta di sella per evitarli.
Tornando alle gomme, dobbiamo ammettere che non sono tra le più scorrevoli e lo si nota maggiormente lungo le salite costanti e dal fondo compatto.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
La minor rigidità del telaio invece lo rende ideale per gare di tipo marathon o per i giri di tutti i giorni, dove assieme alle alte performance è importante che garantisca un buon grado di comodità.

Con piacere abbiamo utilizzato tutti i rapporti a disposizione, essi infatti permettono di avere un range talmente ampio da accontentare sia il biker mediocre che l’agonista più allenato.
Forse la doppia corona è ancora la scelta migliore?

A differenza delle 29er di qualche anno fa si sentono positivamente gli aggiornamenti apportati a componenti e quote geometriche del frame che nell’insieme elargiscono un grado di guidabilità notevole e impensabile anni addietro.

IN DISCESA

L’allestimento proposto per questo modello prevede una forcella RockShox Reba che ci ha stupiti per il funzionamento impeccabile, anche se leggermente più pesante delle più raffinate e costose SID ed RS1, peccato solamente per il comando di bloccaggio remoto a manubrio, troppo esposto agli urti.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
Molto sincere e performanti anche le ruote Mavic Crossride visto che durante tutto il test non hanno perso la centratura iniziale anche se apparentemente delicate visto il numero ridotto di raggi presenti.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 
Nei tratti tecnici la guidabilità non lascia spazio ad incertezze, il telaio in carbonio garantisce precisione di guida sebbene nelle staccate “al limite” abbiamo sentito la necessità di un impianto frenante con maggior potenza, rimanendo in casa Shimano la scelta potrebbe ricadere anche sulla versione Slx, economico ma più potente e preciso del Deore. Potrebbe essere un buon upgrade, no?
 

 
Altrettanta stabilità è stata riscontrata nelle discese veloci dove la CANYON EXCEED CF SL 6.9 si inserisce in curva in modo preciso e mantiene correttamente la traiettoria impostata, grazie a delle ruote sufficientemente rigide e ad un telaio funzionale.
 
CANYON EXCEED CF SL 6.9
 

NOTE

L’angolo delle note è come sempre un contenitore di consigli, ad esempio ribadiamo la possibilità di rendere le ruote tubeless per scongiurare forature e pizzicature, data la loro compatibilità…non ci sono più scuse!

Finalmente un morsetto reggisella con chiusura a brugola, molto più leggero ed elegante. Anche se l’utilizzatore meno interessato al lato agonistico potrebbe preferire la classica soluzione con apertura a leva per abbassare la sella prima delle discese… ma a questo punto consigliamo l’installazione di un reggisella telescopico, indubbiamente più comodo.

Spesso preferiamo aumentare il carico sull’anteriore per avere più precisione di guida, ma non è una regola ferrea da seguire a tutti i costi, provate ad esempio ad utilizzare la EXCEED 6.9 con l’attacco manubrio rivolto nel senso con angolazione positiva, potreste sentirla ancora più comoda visto che la posizione del corpo risulterà più alta.

CONCLUSIONI

È sempre un piacere ricevere in prova e offrirvi il test anche di biciclette economicamente più accessibili, a maggior ragione quando si rivelano funzionali e, come piace dire a me, “sincere”.

Canyon ha sviluppato la linea SL di telai in carbonio volendo creare una seconda opportunità da affiancare agli SLX, due scelte differenti come abbiamo appurato anche durante il test della Canyon Exceed CF SLX 9.9 Di2 (CLICCA QUI per leggere il test).
Questa SL si presta molto bene anche come base per vari upgrade, partendo secondo noi dall’impianto franante, sebbene il montaggio di serie sia tra i più affidabili.

Delle qualità della CANYON EXCEED CF SL 6.9 ne giovano quindi sia gli utilizzatori amatoriali sia coloro che vogliono cimentarsi in gare crosscountry e marathon, potendo contare su una bici affidabile e dalle prestazioni notevoli ma con un occhio di riguardo al prezzo.

Garanzia sul telaio: 6 anni
Prezzo: 1999€ (in questo momento è in offerta a 1899€)
Sito del produttore: www.canyon.com/it/mtb/exceed/exceed-cf-sl-6-9
 
Testo: Matteo Pedrech
Foto: Matteo Pedrech e Silvia Rech

Rider: Matteo Pedrech
Abbigliamento: giacca e pantaloni SOULLIMIT, casco e occhiali RUDY PROJECT, scarpe FIZIK, guanti ENDURA
 
Seguici, metti MI PIACE alla pagina Facebook MTBTECH.IT –> facebook.com/mtbtech.it

Matteo Pedrech