TEST mini pompa LEZYNE SPORT DRIVE HV

Lezyne è un noto marchio americano che da un decennio è specializzato in accessori per bici. Il suo fondatore Micki Kozuschek, di origine tedesca, nel pieno della sua carriera di triatleta fonda prima Truvativ, poi venduta al colosso Sram, e dopo una pausa di qualche anno torna a pensare e a fondare l’azienda dei suoi sogni, che si occupasse di design ingegneristico specializzato in accessori per bici di altissima gamma che si distinguesse dall’industria di accessori in plastica asiatici al momento molto copiati e poco standardizzati, introducendo così materiali dalle lavorazioni di alto livello come il CNC floor drive, l’ABS come attacchi sicuri, il Carbon Road Drive con la tecnologia full carbon leggera e i resistenti multiutensili di design.
In questi ultimi anni poi hanno introdotto e sviluppato tecnologia Led per i fanali e, ora a catalogo, una linea di ciclocomputer GPS.
 
La loro dedizione alla progettazione, passando dal design innovativo a un utilizzo ben mirato di ogni componente colloca questa azienda tra i big dell’industria accessoristica, vantando il fatto di aver creato nuovi standard per moltissime altre realtà del settore. Oggi in prova con noi abbiamo un accessorio indispensabile nelle nostre uscite e che il più delle volte ci fa tornare a casa o proseguire il nostro giro in tranquillità: parliamo della mini pompa Lezyne Sport Drive hv.
 

Com’è fatta:

È una pompa molto compatta dal peso di soli 100 grammi (supporto incluso) e di dimensioni davvero contenute, 17 cm (più piccola di una borraccia).
Il suo corpo e pistone sono in alluminio lavorato e la sua impugnatura, che copre per qualche centimetro il corpo principale è di materiale plastico resistente. Progettata per pneumatici ad alto volume ha un utilizzo massimo di 90 psi / 6,2 bar.
Disponibile in due colorazioni, nero opaco o grigio satinato.
 
LEZYNE SPORT DRIVE HV
 
All’interno del corpo principale è presente un tubo flessibile in ABS con alle due estremità gli attacchi compatibili con valvole sia Presta che Schrader. Sono presenti delle guarnizioni di tenuta per gli innesti delle valvole e vi sono dei tappi in gomma per una chiusura ermetica alle estremità.
 
LEZYNE SPORT DRIVE HV
 
Il supporto per la pompa è dotato di fori a interasse standard per la collocazione sul telaio della bici, e di due ganci a C e un cinturino in velcro per letteralmente ancorare la pompa. Detto supporto è compatibile con tutte le pompe ad alto volume e ad alta pressione di Lezyne.
 

Test:

Sorprendente è la compattezza di questa mini pompa ed il peso davvero contenuto, se consideriamo da quante parti e materiali è composta (corpo principale e raccordi in alluminio, tubo interno flessibile in ABS e supporto di plastica).
 
LEZYNE SPORT DRIVE HV
 
Abbiamo trovato davvero intuitivo l’assemblaggio del tubo interno necessario all’aggancio alle valvole.
Basta svitarlo ed estrarlo dall’anima del corpo centrale dalla parte superiore dell’impugnatura per poi avvitarlo (decidendone il senso in base al tipo di valvola da gonfiare) sulla parte inferiore della pompa, ed il gioco è fatto. Con davvero un attimo di pratica il tutto si esegue in una manciata di secondi.

Il suo avvitamento alle valvole è rapido, la flessibilità e lunghezza del tubo ci rendono la vita facile durante l’utilizzo. Altra nota positiva è che anche piegando il flessibile di 180 gradi creando una U si riesce comunque a gonfiare la gomma.
 

 
Durante il pompaggio anche da ruota completamente flat fino alla massima pressione non stanca troppo il braccio, il volume d’aria pompato è apprezzabile (ricordiamoci che stiamo parlando di una mini pompa), il corpo principale è sufficientemente dimensionato per essere afferrato con tutta la mano e l’impugnatura superiore almeno con 2 o 3 dita.
 
Abbiamo notato con piacere che la parte finale di quest’ultima, essendo ben arrotondata, rende facile la spinta anche con il palmo della mano se uno decidesse di cambiare impugnatura.
Molto apprezzabile la presenza dei tappi di gomma, ancorati alla pompa per non essere smarriti, che permettono di tenere puliti i filetti del flessibile da fango e polvere.
 
LEZYNE SPORT DRIVE HV
 
Non c’è nulla di completamente sigillato o inaccessibile nella pompa e questo ne permette il completo smontaggio e pulizia o sostituzione delle parti in maniera rapida e intuitiva. Unico neo che non preclude comunque la valutazione finale è che personalmente preferirei un invito più lungo nella parte dove si avvita il flessibile al corpo principale in maniera da allineare più correttamente le parti da avvitare scongiurando così il rischio di spanare o deteriorare i filetti delle viti.
 
LEZYNE SPORT DRIVE HV
 

Conclusioni:

L’utilizzo di questa pompa Lezyne Sport Drive hv è destinato pressoché a tutti gli ambiti per quanto concerne le discipline della mountain bike, dal crosscountry al trail-ride, dall’allmountain all’enduro, anche uscendo dal settore delle ruote tassellate: trova spazio tra le bici da passeggio, bici gravel e in tutto il settore bici da strada amatoriale.
Per queste ultime discipline risulta utile l’interasse standard del supporto che favorisce l’applicazione della pompa in abbinamento ad un portaborraccia o in altri punti di alloggio appositamente predisposti in questa tipologia di bici come ad esempio lungo le forcelle, lungo tubi orizzontali ed obliqui, mentre chi pratica mountain bike spesso preferisce collocarla nello zainetto, a sua volta immancabile.
 
Ribadiamo come la solida struttura e la praticità d’uso siano anch’essi punti a favore di questa mini pompa.
Il prezzo di listino è di 19,99 euro, a nostro avviso davvero competitivo e ben bilanciato se consideriamo il progetto del prodotto e la sua realizzazione.
 
Lezyne anche questa volta non si smentisce ed è sicuramente un brand da tenere d’occhio e da valutare per la scelta mirata dei nostri accessori.
 
 

Cosa non ci è piaciuto:

Cosa ci è piaciuto:
Qualità dei materiali buona
Praticità d’uso

Prezzo: 19,99 Euro
Distributore per l’Italia: http://www.larm.it/

 
Test: Andrea Brunato
Foto e Video: Matteo Pedrech

Seguici, metti MI PIACE alla pagina Facebook MTBTECH.IT –> facebook.com/mtbtech.it

Matteo Pedrech