Partenza / Arrivo: Passo Rolle (TN)
Lunghezza: 45 km
Dislivello: 1500 m
Tempo di percorrenza: 4-5 ore
Quota massima: 2160 mslm
Difficoltà:
Periodo consigliato: da aprile a ottobre
Download traccia GPS Non disponibile

Arrivando da San Martino di Castrozza, abbiamo scelto come partenza un comodo parcheggio poco prima del Passo Rolle, ma anche la Val Venegia si presta bene come base, soprattutto se qualche familiare si vuole fermare a fare Pic-Nic.
La prima parte del percorso, in discesa, ci permette un graduale riscaldamento, attraversando fin da subito dei paesaggi veramente belli.
Dopo alcuni tornanti su asfalto, entriamo nel bosco dove ci aspetta un tratto guidato tutto da gustare. Arrivati al recinto dei Cervi di Paneveggio e dopo aver scattato qualche foto ci prepariamo alla piacevole salita che ci accompagnerà al Passo Lusia.
Molto piacevole questa montagna, in particolare gli ultimi km prima del Rifugio omonimo. Arrivati fin qui, non prendete subito a sinistra, ma andate qualche metro sopra a gustarvi il panorama, come da traccia. La discesa sarà ripida e veloce, attenzione ai freni!
Continuate il percorso fino a ritrovare la traccia dell’andata del nostro giro a 8 e prendete ora, sulla destra, un sentiero poco battuto. Poco più avanti troverete un torrente, ma non aspettatevi di trovarci anche un ponte, quindi per passare… attenti a non bagnarvi i piedi!
Per arrivare all’imbocco della Val Venegia abbiamo preso la strada per il Passo Valles, ma successivamente sulla cartina ho notato il sentiero che costeggia il torrente, sarebbe da provare come alternativa all’asfalto.
La Val Venegia è veramente molto bella, adatta anche alle famiglie per trascorrere una bella giornata, ci sono due malghe dove potersi ristorare ed è una grande gioia per gli occhi.
Il Mulaz, la Cima dei Bureloni e il Cimon della Pala saranno lì a guardarvi mentre salirete poi verso Baita Segantini.

Il giro è, nel suo insieme, vario ed appagante, e ne sarete sicuramente soddisfatti.
Buon divertimento

 

Le tracce presenti e scaricabili sono frutto della nostra personale registrazione. Non ci assumiamo alcuna responsabilità riguardo la correttezza della traccia stessa e tantomeno della condizione e percorribilità dei sentieri, poiché la loro situazione è in continuo evolversi. Ricordiamo che la percorrenza dei sentieri e strade montane, CAI e non, è disciplinata da regolamenti Nazionali, Regionali e Provinciali che in alcune circostanze NON permettono la percorrenza ai ciclisti, pertanto è doveroso informarsi riguardo tali norme e rispettare quanto indicato, anche dovendo smontare dalla propria bici e proseguire a piedi. È vivamente consigliato percorrere le tracce accompagnati da personale esperto che conosca il territorio ed il percorso.
Per informazioni info@mtbtech.it

Share